I trend più caldi nel mondo della panificazione per il 2023

30 giu 2022

Taste Tomorrow

I consumatori chiedono freschezza, apprezzano l'artigianalità e continuano a cercare conforto nelle ricette tradizionali e autentiche.   

Taste Tomorrow è il più grande ecosistema al mondo per la comprensione dei gusti e delle preferenze dei consumatori nei settori di panificazione, pasticceria e cioccolato. Il monitoraggio costante dei comportamenti, degli atteggiamenti e delle scelte dei consumatori locali e globali ci fornisce informazioni preziose e approfondite. Siamo in grado di utilizzare queste informazioni per seguire l'evoluzione delle tendenze e rivelarne di nuove. Per saperne di più sulla nostra metodologia, clicca qui.  

In questo articolo troverai le tre tendenze chiave del mondo bakery che saranno protagoniste nel 2023. Scopri anche i trend più "caldi" della pasticceria e del cioccolato per il 2023!

2022



Una delle sfide più importanti per il settore della panificazione nel 2022 è rappresentata dal costo e dalla disponibilità di alcuni ingredienti, come l'olio di girasole e il grano. In diversi settori si discute dell'aumento dei prezzi e di come questo influisca sulle diverse aree di attività. L'ultima indagine sui consumatori Taste Tomorrow ha evidenziato, infatti, che oggi l'aumento dei prezzi degli alimenti è una delle tre principali preoccupazioni dei consumatori. Per risparmiare, le persone stanno cambiando le loro abitudini di acquisto, il che ha indubbiamente un impatto sugli operatori del settore, tra cui artigiani, food service. 

 

Nonostante la preoccupazione generale per l'aumento dei prezzi, gli alimenti di base come il pane sono meno impattati, con il 23% dei consumatori a livello globale che continua ad acquistare pane di qualità e solo il 12% che cerca di acquistare meno/risparmiare su questa categoria di prodotti (contro il 29% per i dolci e la pasticceria e il 24% per i prodotti legati al cioccolato). Il 48% dei consumatori intervistati da Taste Tomorrow nell'aprile 2022 ha dichiarato di non scegliere il pane più economico, ma di continuare ad acquistare i prodotti di cui si fida.

Per questo motivo, nel 2023 sarà più importante che mai concentrarsi sulla qualità dei prodotti da forno.  

Ecco i principali temi che influenzeranno il settore della panificazione il prossimo anno: 

 

1. 1. Fiducia e artigianalità

I prodotti artigianali tradizionali sono sempre più popolari. In rete, i classici sono il trend topic quando si parla di prodotti da forno. La ricerca Taste Tomorrow di giugno 2022 rivela che i consumatori cercano conforto e gusto in questi prodotti, proprio perchè rendono omaggio a ricette tradizionali e autentiche. Mentre il 60% dei consumatori è alla ricerca di nuove esperienze nei prodotti da forno, il 67% preferisce elementi familiari, classici ma con un tocco in più( in Italia l'87% dei consumatori ama i gusti tradizionali e il 69% vorrebbe comunque sentire un elemento di familiarità quando prova  nuovi tipi di cibo). Pertanto, l'innovazione è ben accetta, ma deve basarsi su una forte radice tradizionale, per essere ben accolta dai consumatori.  

 

2. 2. Il gusto del lievito madre 

Come conseguenza della tendenza precedente, il lievito madre si colloca in una posizione privilegiata tra l'innovazione e la tradizione artigianale. Da prodotto preferito per il tempo libero a prodotto artigianale consolidato e ben percepito, la consapevolezza del lievito madre si è sviluppata notevolmente negli ultimi anni e si prevede che crescerà ancora nel 2023. I brand tradizionali stanno inserendo il lievito madre nei loro prodotti e i consumatori continuano a cercare opzioni a base di lievito madre anche al di là del pane, come nei croissant, ma anche in brioche, muffin, panettoni e altri. Qual è il principale motore di questa tendenza? Senza dubbio il gusto che questo straordinario ingrediente conferisce.

 

3. Freschezza  

I consumatori si aspettano pane fresco, tutti i giorni, per tutto il giorno. La tendenza del "fresco on demand" riguarda anche prodotti che i consumatori possono preparare in autonomia, da surgelati, per poi riscaldarli e/o cuocerli in casa, con la comodità di avere prodotti da forno freschi in qualsiasi momento. Esempi tipici di questa tendenza sono i croissant, le pizze, le pinse, le stirate e altro ancora. Questo tipo di prodotti semplifica la vita dei consumatori, che possono, così, affidare gran parte della fase di preparazione a produttori di grandi dimensioni o ad artigiani e al contempo assumere il controllo del processo di cottura e ottenere il massimo della freschezza. 

 

La freschezza dei prodotti da forno rimane incredibilmente importante per i consumatori, che nel 2022 acquistano online più di quanto facessero prima della pandemia (58% dei consumatori a livello globale). Per essere attrattivi anche per i consumatori online, i prodotti da forno devono anche avere un aspetto perfetto, quindi i produttori devono prestare maggiore attenzione anche ad aspetti come la confezione, ( il 59% dei consumatori concorda sul fatto che un ottimo aspetto migliora la percezione del gusto, in Italia il 51% dei consumaotri). 

 

Per vincere nel 2023, concentrati sull'aspetto e sulla freschezza dei tuoi prodotti da forno e prendi in considerazione l'idea di offrire prodotti da forno che possono essere facilmente preparati o finiti a casa. L’utilizzo del lievito madre è certamente un valore aggiunto in termini di claim per il consumatore e il gusto aggiunto ai prodotti.  

 

Vuoi saperne di più? 

Related Articles

Market insights

Market insights

We combine more than a century of expertise with the very latest innovation and trends, to make the future of food a reality today.

Taste Tomorrow

Taste Tomorrow

Discover new business opportunities with the latest global and local trends that Taste Tomorrow offers.

Sensobus

Sensobus

Test new products, pricing, marketing and communication concepts by finding out your consumer’s preferences.

Can indulgence and health truly be companions?

Can indulgence and health truly be companions?

Health is the trend that’s affecting most businesses in the global food industry. What does it mean for sweet treats and chocolate producers?