Colomba Mon Amour

Ingredienti

Preimpasto
Tegral Dolcinote 100 Cl 1500 g
Acqua +/- 500 g
Burro 350 g
Tuorli 200 g
Lievito Levante* 50 g
Preimpasto total 2600
Impasto finale
Preimpasto totale 2600 g
Tegral Dolcinote 100 Cl 1200 g
Burro 350 g
Acqua +/- 450 g
Tuorli 400 g
Zucchero 400 g
Aroma lavanda 45 g
Miele 50 g
Impasto finale total 5495
Decorazione
Harmony Sublimo Glaze & Go q.b.
Lamponi freschi q.b.
Petali di rose edibili q.b.
Decorazione total 0
Farcitura
Cremfil Classic Vanille q.b.
Farcitura total 0

Procedimento

Preimpasto (diretto)

  • Impastare Tegral Dolcinote 100CL, lievito, acqua e tuorli sino ad ottenere una massa omogenea.
  • Aggiungere il burro e lavorare per ottenere un impasto liscio ed asciutto.
  • Lasciar lievitare in cella fino alla quadruplicazione 2 ore circa(a 30°C U.R.75%).

impasto finale (diretto)

  • Impastare Tegral Dolcinote 100CL, il preimpasto e l’acqua.
  • Quando l’impasto comincia a formarsi aggiungere miele e zucchero gradualmente.
  • Aggiungere, sempre gradualmente, i tuorli d’uovo.
  • Incorporare il burro a temperatura ambiente e quando l’impasto sarà omogeneo l’aroma lavanda.
  • Far puntare in cella per 1 ora a 30°C U.R. 75%.
  • Dividere l’impasto in pezzature da 1 Kg.
  • Mettere l’impasto a raffreddare in congelatore per circa 15 minuti e comunque sino ad ottenere una pasta ben fredda.
  • Stendere l’impasto a forma rettangolare con spessore circa 7mm.
  • Stendere uno strato di Cremfil Classic Vaniglia ed arrotolare.
  • Porre in abbattitore per circa 15 minuti.
  • Tagliare le girelle e depositarle nello stampo colomba. 
  • Far lievitare 2-3 ore circa (a 30°C U.R. 75%) comunque sino a che la colomba non raggiunga il limite dello stampo.
  • Con un sac-à-poche fare dei punti di farcitura con Vivafil Fragola 35%.
  • Cuocere con valvola chiusa per 20 minuti a 165°C (pezzature da 100g).
  • Una volta raffreddate decorare con Harmony Sublimo, lamponi freschi e petali di rosa edibili.

Suggerimenti


Autore: Mirco Rossi

Livello di complessità:  

Esistono circa 50 specie differenti di fiori commestibili. Alcuni senza saperlo li consumiamo già (carciofi, fiori di zucca, cavolfiori e zafferano), altri invece siamo più propensi ad immaginarli in un giardino. Poverissimi di grassi e ricchi di sostanze nutritive come minerali, proteine e vitamine (A e C), hanno un elevato quantitativo di antiossidant. Già in epoca romana ci sono testimonianze sull’uso dei petali di fiori gialli e di rosa in alcune preparazioni prelibate.